martedì 19 novembre 2013

Novena in preparazione alla Solennità dll'Immacolata Concezione della Santissima Vergine Madre di Dio Maria Santissima.. comincia il 29 novembre! E' potente contro il Demònio.


Deus in adjutorium meum intende

Domine ad adjuvandum me festina

Gloria Patri et Filio et Spiritu Sancto

Sicut erat in principio et nunc et semper et in saecula saeculorum. Amen

I Vergine amabilissima, che sino ab eterno foste l'oggetto prediletto de' Divini Amori, ottenete anche a noi tutti di farvi sempre caro oggetto di nostra devozione.
Ave Maria... Dio ti Salvi o Maria, nostra Madre Dolce e Pia, oh Maria nostra Avvocata o Concetta Immacolata.

II Vergine Ammirabile, la cui concezione fu speciale favor di Dio, e frutto di grandi orazioni, elemosine e mortificazioni dei Patriarchi, dei Profeti e di tutti i Giusti, impetrate anche a noi tutti di sempre disporci con tali mezzi a partecipare dei divini favori. Ave... Dio ti Salvi...

III Vergine Privilegiata, che foste concepita dai vostri sterili genitori divenuti prodigi9osamente fecondi, ottenete anche alle sterili anime nostre di divenir feconde di santi affetti e di virtuose operazioni. Ave... Dio ti Salvi...

IV Vergine Immacolata, che unica fra tutte le creature foste preservata dal peccato originale e da ogni altra ancor più lieve colpa, ottenete a noi pure di preservarci da qui in avanti da ogni macchia di peccato. Ave... Dio ti Salvi...

V Vergine Felicissima, che foste preservata anche dal fomite della colpa, ottenete a noi pure di frenare per modo codesto fomite, che non ci faccia mai schiavi della legge del peccato. Ave... Dio ti Salvi...

VI Vergine Singolarissima, che nel Vostro concepimento foste confermata nella divina carità, ottenete anche a noi tali e tanti aiuti di grazia, da conservarci sempre cari e fedeli al Signore. Ave... Dio ti Salvi...

VII Vergine Santissima, che nella vostra immacolata concezione foste riempita d'ogni pienezza di grazia, impetrate a noi pure tutte le grazie necessarie a santificarci e a salvarci. Ave... Dio ti Salvi...

VIII Vergine Beatissima, che sino dal primo istante della vostra vita, foste arricchita di tutte le più belle virtù, a noi ancora ottenete la più viva fede, la più ferma speranza, la più accesa carità, e tutte le altre virtù proprie di un anima cristiana. Ave... Dio ti Salvi...

IX O Vergine Benedetta, che annunciaste col vostro concepimento il prossimo spuntare del Divin Sole, siate, ve ne preghiamo, la fiaccola della nostra mente, la gioia del nostro cuore, la nostra difesa nei pericoli, il nostro sostegno nelle tentazioni, il nostro sollievo nelle cadute, e fate che in noi fioriscano quelle virtù che resero voi si ammirabile qui sulla terra e sì gloriosa nel Cielo. Amen. Ave... 3 Gloria Patri... Dio ti Salvi...

Tota pulchra es Maria, tota pulchra es Maria!
Et macula originalis non est in te, et macula originalis non est in te!
Tu Gloria Jerusalem!
Tu Laetitia Israel!
Tu honorificentia populi nostri, tu advocata peccatorum!
Oh Maria! Oh Maria!
Virgo Prudentissima, Mater Clementissima!
Ora pro nobis, intercede pro nobis; ad Dominum Jesum Christum!

In Conceptione tua Virgo Immaculata fuisti.
Ora pro nobis Patrem cujus Filium peperisti.
Felix es, sacra Virgo Maria, et omni laude dignissima.
Quae serpentis caput virgineo pede contrivisti.

Oremus
Deus qui per Immaculatam Virginis Conceptionem, dignum Filio tuo habitaculum praeparasti, qaesumus: ut qui, ex morte ejusdem Filii tui praevisa, eam ab omni labe praeservasti, nos quoque mundos, ejus intercessione ad te pervenire concedas. Per eundem Christum Dominum nostrum. Amen



Vergine Santa e Pia
piena di grazia e vita
donna di sol vestita
eletta del Signor!

Rit.
Oh Madre Immacolata
Regina tutta bella!
Del nostro mondo Stella!
Tu nostro vant' e onor!
Del nostro mondo Stella!
Tu Nostro vant'e onor!


Tu tra le figlie d'Eva
sei Sola Immacolata
l'unica preservata
dal fallo original.

Nel seno Verginale
Tu concepisti il Figlio
senza macchiare il Giglio
del puro Tuo candor.

Più bella della Luna,
di stelle incoronata
ti chiamano: "Beata";
la Terra, il Mare e il Ciel!

Dolce vision gentile,
di Gloria aureolata,
Pura ed Immacolata
del niveo fulgor.

Dal Tuo Celeste Trono,
d'ogni bellezza adorna,
Deh! Guarda chi ti invoca
e ci proteggi ognor!

Qual Madre a Te affidiamo
i nostri pescatori;
deh! Dona ai loro cuori:
le grazie ed i favor!

All'Infernal Serpente
deh! Tu col Tuo calcagno,
qual grande Tuo guadagno:
il capo schiacci ognor!

Misericordia oh Madre,
di chi geme nei lacci;
dai posseduti scacci
il tuo nemico allor.

A nostra gioventute,
per tua Immacolatezza,
ottieni la purezza
e la pace nei cuor

Mentre nell'alto mare
tutto d'intorno tace,
come benigna face;
deh! Brilli il Tuo Splendor.

Quella Tua luce amica
sia nella notte infida
ai cuori erranti guida,
ai deboli vigor!

Vergine Santa e Pia
tendi l'orecchio ed odi
dicon le nostre lodi
l'immenso amor per Te

Ave di grazia piena
Madre di Dio e nostra
verso di noi ti mostra,
Madre benigna ognor.

Pellegrinaggio-ritiro a casa di Mirijana a Medjugorije, dal 24 febbraio al 2 marzo 2014!

 

Aperte le iscrizioni per il pellegrinaggio-ritiro a Medjugorije dal 24 febbraio al 2 marzo 2014 in vista della quaresima che si apre la settimana seguente, con catechesi e testimonianze della cara amica e veggente Mirijana, con preghiere di liberazione e guarigione per ammalati fisici e spirituali.

Prezzo € 525


mercoledì 30 ottobre 2013

Festa dei Demòni! Halloween!

Dal Cuore di Gesù, pace a voi ed esorcistica benedizione.
In questo giorno in cui le potenze delle tenebre si intensificano e prendono più forza, con maggior lena insistiamo per screditare, confondere, svergognare e ridicolizzare gli emissari dell’inferno: Satana e gli a lui soggetti.
Da qualche anno a questa parte a causa d’una certa miscredenza che si è inflitrata anche nella Chiesa di Dio (così come denunciava il Servo di Dio Sommo Pontefice Paolo VI il 17 novembre 1972 nella sua catechesi del mercoledì “il fumo di Satana si è inflitrato nella Tempio di Dio“) nella nostra Italia un tempo cattolica, gemma della fede, baluardo della cristianità, culla dei Santi, dimora degli Apostoli, sede del Suo Vicario, si va accrescendo la cultura di una festa non solo paganeggiante, ma ancor più diabolica, satanica, luciferina, anticristica, settarica, scristianizzante, “pervertita e pervertitrice“: Halloween.
Si vedono nelle sfaccettature più innocenti di questo lugubre teatro che va in scena il 31 ottobre di ogni anno piccoli bambini, madri premurose et similia (chi più ne ha più ne metta) andare in giro come assatanati, travestiti da figure orribili quali mostri, zombies, fantasmi, diavoli e scheletri festeggiare non si sa cosa e bussare di porta in porta ripetendo il mantra diabolico ormai celeberrimo “trick or treat“, senza sapere quale dolcetto, scherzetto e sgambetto il diavolo gli ha preparato.
Se le madri voglion esser veramente premurose ed i padri volessero ritenersi degno di tale nome leggano e mettano in pratica questa mia esortazione: non partecipate a queste feste esecrande.
Perchè?

Io sono il Signore Dio tuo, non avrai altro Dio all’infuori di me.

È peccato mortale che viola il Primo Comandamento sapere cosa sono e nonostante ciò festeggiare questi culti pagani.
Infatti, come mi è noto dalla mia pluriennale esperienza esorcistica, in questo periodo di fine ottobre e durante tutto il mese di novembre, con a culmine appunto la festa di Halloween, hanno luogo messe nere, riti satanici, consacrazioni a Satana, macube, voodoo e hoodoo, fatture, legature, maledizioni, malocchi, sedute spiritiche, pratiche occulte sino ad arrivare anche tra i più giovani – e tra più giovani intendo dai 12 anni in su – a sacrifici umani o d’animali.
Non si meraviglino le persone che odono quel che dico poichè in questo mese di ottobre 2013, in un paese di mia conoscenza abitato da una setta, ben sette infanti sono stati uccisi ed offerti al demonio come vittime sacrificali.
Molti pensano che sia un fenomeno poco diffuso quello delle violenze che si commettono incitati dalla festa di Halloween, tuttavia dovreste sapere quanto noi esorcisti soffriamo e quanto aggravio di lavoro abbiamo nel mese novembrino.
Bussano alle nostre porte: ragazzi che hanno fatto sedute spiritiche e si trovano terrorizzati da settimane con incubi e presenze nella mente o nella casa, bambini che dopo aver partecipato a feste persino nelle parrocchie o nelle Chiese (sacrilegio!) si trovano ad avere disturbi diabolici, teenagers che presi dalla goliardia di sesso, droga e rock ‘n roll (perchè anche la musica rock è satanica e fa male, molto male) intrallazzano con riti più o meno esoterici per cercare soddisfazione ai loro piace e degenerando poi in atti esecrandi, si trovano ad esser vittime colpevoli di possessioni diaboliche e così via.
Ora, vorrei sapere come un prete può definirsi cattolico ed approvare se non addirittura incoraggiare una tal festa paganeggiante e satanica?
Esigo una spiegazione di ciò e me ne facciano avere risposta scritta don Valentino Porcile (il quale sappia che il sottoscritto ritiene che il cognome glielo abbiano bene azzeccato se propaga e sostiene simili nefandeze) – il quale mi è stato segnalato – ed il signor Rosario Ventimiglia, sedicente cattolico che si dichiara a favore di Halloween ed invita i fedeli a festeggiarlo tramite ripetuti messaggi pubblicizzati sui social networks.
Doveroso in questo contesto citare le rivelazioni della mistica cattolica Nancy Fowler, la quale affermava che ogni qualvolta lei nominava Halloween Satana le si presentava dicendo d’avere il diritto di essere presente.
Con don Oreste Benzi voglio concludere chiedendo alle mamme degeneri: volete che i vostri figli crescano nell’amicizia del mostruoso rendendogli simpatici, meno pericolosi mostri e demoni fino a farli divenire come loro, o volete che abbiano per amici gli angeli ed i santi di Gesù Cristo per perfezionarli nelle virtù?
A questo proposito ho i miei dubbi.
Lascio a voi riflettere poichè molte madri e padri, essendo perversi, vogliono pervertire.
Per chi fosse interessato a sapere ciò che succede nella festa di Halloween consiglio di leggere il buon libro scritto dalla mia amica Michela (pseudonimo, vedere l’articolo Halloween, parla una ex satanista), del quale riporto un estratto:

Tra fine ottobre e inizio novembre, ossia nelle notti precedenti Halloween (31 ottobre) e la memoria dei Defunti (2 novembre), c’era poi l’unico appuntamento in un cimitero, dove profanavamo delle tombe e ne ru­bavamo le ossa, facendo uno specifico rituale che alla fi­ne le distruggeva.
Qualche volta mi è anche capitato di partecipare a un rito in una struttura che sembrava una piccola chiesa. Recentemente ne ho avuto una spiegazione, leggendo la denuncia dell’esperto padre Francesco Bamonte: «Nel corso delle vendite di varie cappelle non più utilizzate per il culto, è accaduto che qualcuna di esse sia stata acquistata proprio da individui che, nascondendo la loro appartenenza a gruppi di satanisti, le hanno poi utilizzate (e utilizzano tutt’ora!) per i loro riti nefandi».

Per chi volesse fare qualcosa al fine di costrastare gli attacchi diabolici consiglio (soprattutti ai sacerdoti, se tali dirsi vogliono) d’organizzare durante tutta la notte tra il 31 ed il 1, ed anche nel mese di novembre, adorazioni riparatrici, messe di espiazione, processioni e santi rosari continui.
Mettete alle finestre dei ceri esorcizzati e benedetti.

Domine Jesu Christe qui tegumen nostrae mortalitatis in duere dignatus es, praesta quaesumus ut nos liberati et salvi facti sumus, ab omnibus spiritualibus nequitia et spiritalis malitiae defensi.
Qui vivis et regnas in secula seculorum.

Il Signore ci liberi!
In Nomine Jesu

venerdì 11 ottobre 2013

Testimonianza su Padre Candido!! Ricevo e pubblico!

 http://4.bp.blogspot.com/-Cd1Uz7JpJzE/UgQQm8Of1dI/AAAAAAAAYKs/Vtg_1g5lReA/s1600/Padre+Candido+a+Nettuno,+in+giovane+et%C3%A0.jpg
Ricevo questa bella lettera da una signora che pubblico di seguito integralmente:

"La ragione per cui scrivo è che conosco il vostro sito, dedicato a padre Candido. Molti anni fa ho ricevuto da lui una benedizione alla Scala Santa.
Oggi sto attraversando una grande prova riguardante la mia salute e problemi familiari e lo avevo pregato (come sto continuando a fare) di intercedere in particolare per una grazia importante.
Ebbene, oggi si è aperto il cielo (non ho risolto i problemi di salute, ma è qualcosa che riguarda una persona cara) e sono immensamente grata al Signore, alla Madre nostra Santa e Benedetta e a Padre Candido, la cui intercessione di certo è servita.
Gli chiedo, ora, di accompagnare questo cammino doloroso, impegnativo umanamente e spiritualmente ma anche di grande grazia per tutta la mia famiglia e spero di poter presto dare ulteriori dettagli e maggiore diffusione alla testimonianza, se il Signore me lo concederà.
Intanto, voglio che almeno Voi sappiate quel che è accaduto oggi e ne gioiate nel Signore insieme a me e padre Candido, che dal Cielo continua la sua missione a cui il Signore lo ha chiamato su questa terra.
Un caro saluto, in Iesu et Maria
M.G."

Ringraziamo il Signore e Padre Candido per la sua continua presenza a nostro favore!



venerdì 17 maggio 2013

Annunzio di Monsignor Gemma Vescovo Esorcista! Andiamo insieme a Lourdes!



alt
CARISSIMI

ANNUNCIO A TUTTI VOI CON GRANDE GIOIA

che dal 14 al 18 settembre presiederò
il pellegrinaggio a LOURDES
organizzato dall’associazione A.M.A.R.L.I.S
“Il treno azzurro dell’Immacolata”

Per qualunque informazione o per potervi prenotare potete telefonare direttamente al 347 49 58 905  oppure mandare un’email a info@andreagemmavescovo.it
Il pellegrinaggio prevede partenze in aereo da NAPOLI e in treno da varie città italiane.
Il Prezzo del pellegrinaggio in treno 13-19 Settembre è di euro 720 in hotel **** superiore; il treno ferma a Napoli, Aversa, Formia, Roma Ostiense, Grosseto, Livorno, Pisa, Genova, Ventimiglia.
Il Prezzo del pellegrinaggio in aereo 14-18 settembre è di euro 765 in hotel*** 
FACCIAMO INSIEME QUEST’ESPERIENZA DI FEDE E DI INTENSA PREGHIERA AVVOLTI TENERAMENTE NELL’ABBRACCIO DELL’IMMACOLATA
alt

mercoledì 15 maggio 2013

I peccati che portano più anime all'inferno sono i peccati della carne! Giacinta di Fatima!



La piccola pastorella di Fatima, Giacinta, così si lamentava e soffriva per questo.. e oggi?? neanche più si crede che i peccati della carne, tutti, dal più grande al più piccolo, sono peccati mortali tra i più gravi, e se si ha la disgrazia di morire in tale condizione, quale sorte mai si avrà?? L'inferno!

Così anche recentemente il diavolo ha dovuto confessare durante un esorcismo.


Beati Giacinta e Francesco, pregate per noi!

 

Il bel sito amico dei nostri amici dell'A.M.A.R.L.I.S.

Pubblichiamo qui il link del sito dell'A.M.A.R.L.I.S. bella Associazione Mariana con spirito tradizionale tutto squisitamente mariano e Lourdino si recheranno accompagnati da Mons. Andrea Gemma in pellegrinaggio a Lourdes nel prossimo settembre; per informazioni contattate la segreteria al sito: www.amarlis.it 

Per info e prenotazioni pellgrinaggio con Mons. Gemma a Lourdes:
visitare il sito dell'Associazione AMARLIS all'indirizzo: 


telefonare alla segreteria dell'AMARLIS: 347 49 58 905

o scrivere una mail all'AMARLIS al: info@amarlis.it
                                         

lunedì 13 maggio 2013

Dagli amici dell'A.M.A.R.L.I.S. ci giunge questa gradita sorpresa che pubblichiamo: Pellegrinaggio a Lourdes presieduto da Mons. Andrea Gemma Vescovo Esorcista!


Il nostro Pellegrinaggio sarà onorato dalla guida di Sua Ecc. Rev. Mons. Andrea Gemma!

Mons Andrea Gemma, Radici Cristiane Il Pellegrinaggio della nostra Associazione Mariana Accoglienza Refugium Lilium Inter Spinas avrà l’onore di essere presieduto e guidato da Sua eccellenza Reverendissima Mons.  Andrea Gemma Vescovo emerito di Isernia-Venafro, noto per il suo zelo e la sua dedizione alla pratica degli esorcismi, e l’amore verso gli ammalati in particolare per coloro che soffrono a causa del demonio.

Pellegrinaggio a Lourdes 13-19 settembre 2013 in treno speciale, partenze da: Napoli, Aversa, Formia, Roma, Pisa, Genova, Ventimiglia.
Per gruppi a richiesta collegamenti con altre città a mezzo pullman.
€ 720 hotel **** superiore
Combinato in aereo speciale con partenza da Napoli Capodichino 14-18 settembre 2013 € 770 in hotel *** superiore.
Per prenotazioni e informazioni contattare l’A.M.A.R.L.I.S. al sito: www.amarlis.it
o telefonare al 347 49 58 905

martedì 30 aprile 2013

Sacro Mese di Maggio! "Mese di Maria di Santa Bernadette"! I Giorno

PRIMO GIORNO

Apertura del Mese della Santissima Vergine Maria

Tra tutte le pratiche di pietà che sono in rilievo tra le popolazioni cattoliche, ce ne è una che è particolarmente cara al cuore di tutti i cristiani: è il costume del Mese di Maria, il Santo Mese di Maggio in onore della Vergine! Nato dall'ispirazione di un pio ragazzo di Roma che ormai 2 secoli or sono ebbe il delicato pensiero di riunire i suoi piccoli vicini per pregare la Santa Vergine, innanzi un'umile statua, questi esercizi, sono ancora, Grazie a Dio, ben importanti nella Chiesa Cattolica e specialmente nella nostra Italia.
Non è cosi? noi amiamo, in questo mese di Maggio, uno dei più belli e dei più fioriti dell'anno, riunirci nelle nostre Chiese per pregare la Santa Vergine Maria, meditare le sue virtù e cantare le sue lodi. Questi tempi dunque consacrati alla Regina dei Cieli ci riposano dai problemi e dagli affanni, dai lavori e dalle fatiche quotidiani. il Mese di Maggio, è la festa della "nostra Mamma del Cielo" e è una festa che dura tutto il mese. La festa di una madre e di una Madre tale quale Maria, non dovrà mai passare inosservato, bene al contrario invece merita di essere degnamente celebrato. Ecco perchè noi ci sforzeremo di essere bene assidui a questi esercizi che tutte le sere, durante il mese vogliono riunirci davanti all'Immagine della Santa Vergine, nostra Madre.
Con la massima pietà e raccoglimento dunque, noi la pregheremo, per noi, per quelli che amiamo e sopratutto per i poveri peccatori dei quali Ella è a giusto titolo loro rifugio "Refugium peccatorum". Canteremo in suo onore i bei vecchi cantici di sempre e gli imploreremo la grazia d'imitare i bei tratti della sua vita e le virtù che la decorano che ci saranno forniti dalla lettura che faremo di giorno in giorno. Tratteremo le meditazioni dalla vita di un umile grande privilegiata di Maria, che si chiama Bernadette, la santa veggente di Lourdes, nella vita di questa Santa troveremo gli esempi illustri che ci guideranno in tutto il Mese di Maggio, a giustificazione del titolo: "Mese di Maria di Santa Bernadette".

ESEMPIO

Pietà di Bernadette verso la S. Vergine

A Bartrès, la piccola pastorella non era stata inviata a scuola dalla sua madrina e nutrice, malgrado le promesse fatte ai Soubirous; Bernadette d'altra parte aveva la testa dura e aveva molte difficoltà ad imparare le preghiere che la nutrice le insegnava: malgrado questo però, bambina prediletta di Maria, recitava bene il suo Rosario e ripeteva spesso l'invocazione: "O Maria concepita senza peccato, pregate per noi che abbiamo ricorso a Voi".
Man mano che cresceva, la sua pietà verso Maria non faceva altro che accrescersi e questa grande pietà mariana, giunta di certo alla grandissima semplicità è certamente per molti nella scelta che d'Ella fece, la Regina dei Cieli, l'Immacolata Concezione per essere sua beneamata confidente in quest'angolo della rtancia oramai per sempre benedetto e e celebrato: Lourdes, terra di Maria per eccellenza!

PREGHIERA

O Maria, fate che rassomigliando alla vostra serva Bernadette, abbiamo anche noi un grande amore e una grande pietà verso voi; fate o nostra Buona Madre che la nostra devozione verso di voi sia la sicurezza della nostra eterna Salute. Cosi sia.

O Maria concepita senza peccato, pregate per noi che abbiamo ricorso a Voi!

Nostra Signora di Lourdes, pregate per noi!

Santa Bernadette, pregate per noi!

domenica 28 aprile 2013

Pellegrinaggio tradizionale a Lourdes 13-19 settembre 2012

                                                     PELLEGRINAGGIO A LOURDES

Partenze da Napoli, Aversa, Formia, Roma, Pisa, Genova, Ventimiglia.
(a richiesta collegamenti con le stazioni ferroviarie a mezzo pullman con altre città dell'Italia)
Ancona, Loreto, Rimini, Bologna, Pescara, Foggia, Milano, Torino.

Sono invitati tutti coloro che vorranno partecipare, ed incoraggiamo sopratutto gli ammalati fisici e spirituali i quali avranno come sempre adeguata assistenza.

Con la presidenza di Eccellentissimi Vescovi, direzione e assistenza spirituale di Sacerdoti Esorcisti.
(pellegrinaggio per implorare alla Vergine la liberazione dei nostri associati, preghiere di liberazione)
Sono inoltre invitati tutti coloro che amano la Tradizione.
1° - 2° giorno: NAPOLI/LOURDES
Mattino 1° giorno: Ritrovo dei partecipanti alle rispettive stazioni ferroviarie. Sistemazione in treno ai posti assegnati e partenza. Benedizione di apertura del Pellegrinaggio, Pranzo, nel pomeriggio S. Rosario, S. Messa e Adorazione Eucaristica nella "cappella",  Cena, Adorazione Eucaristica notturna facoltativa, (durante tutto il viaggio i Sacerdoti presenti saranno disponibili per le S. Confessioni e per le Benedizioni).
Pernottamento a bordo (cuccette a 6 posti).
2° giorno: Prima colazione in treno, arrivo a Lourdes e trasferimento in Bus
all’ albergo (in base alla categoria prescelta). Sistemazione nelle camere
riservate, Pranzo. Nel primo pomeriggio apertura ufficiale del pellegrinaggio con processione e saluto alla Grotta e partecipazione
alle funzioni religiose programmate. Cena e pernottamento in Hotel.
dal 2° al 6° giorno: Soggiorno a LOURDES
Pensione completa in albergo. Partecipazione alle funzioni religiose
programmate (Via Crucis, Confessioni, SS. Messe giornaliere secondo la forma straordinaria del Rito Romano "Tridentino") ,
Processione Eucaristica, Fiaccolata, S. Rosario, Bagno alle piscine, etc.).
Durante il soggiorno possibilità di effettuare escursioni facoltative.
6° - 7° giorno: LOURDES/NAPOLI
6° giorno: SS. Messa e Saluto alla Vergine presso la Grotta, Pranzo in albergo e
Trasferimento in Bus per la Stazione. Sistemazione e partenza del Treno
Speciale. Nel pomeriggio S. Rosario, S. Messa e Adorazione Eucaristica nella "cappella",  Cena, Adorazione Eucaristica notturna facoltativa, (durante tutto il viaggio i Sacerdoti presenti saranno disponibili per le S. Confessioni e per le Benedizioni). Pernottamento a bordo.
7° giorno: Prima colazione e Pranzo in treno. Nel pomeriggio arrivo alle rispettive stazioni.

NOTA BENE
• il Treno effettua fermate lungo il percorso. Su richiesta, all’atto della
prenotazione, possibilità di salita e discesa (Aversa - Formia - Roma
Ostiense - Pisa - Genova- Ventimiglia).
• Per motivi tecnici (cambio orari del trasporto, etc.), il programma potrebbe
subire delle variazioni, in tutti i casi non imputabili all’organizzatore.
• La realizzazione di ogni Viaggio è subordinata al raggiungimento di un
minimo di 450 partecipanti. Qualora il minimo non venga raggiunto,
l’organizzazione ha la facoltà di annullare la partenza.

Quota di partecipazione: 720 €
iscrizioni entro il 30 Luglio

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a: Segreteria Unirsi Pellegrinaggi:
mail: unirsipellegrinaggi@libero.it
Sig. Nunzia  tel: 334 952 47 70
(dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 20.00)

Aperte le iscrizioni per i Volontari, Dame e Barellieri!!!

A grande richiesta apriamo le iscrizioni per tutti coloro che vorranno entrare a far parte 
della nostra Associazione

Le iscrizioni termineranno il 25 Giugno 2013

rivolgersi al seguente indirizzo e-mail per ogni informazione:
christus-del@libero.it

"Il compito di ogni associato che sia Barelliere, Dama, Sacerdote, Religioso, Infermo, Indemoniato o semplice pellegrino è quello di unire i suoi sentimenti a quelli dei Divini Cuori di Gesù e Maria e sostenersi nell'Unione reciproca di preghiera con gli altri fratelli di "esilio-pellegrinaggio" terreno procurando in ogni modo di alleviare il fratello che è suo prossimo"

"Ogni volta che farete qualcosa a uno di questi miei fratelli più piccoli voi l'avrete fatta a Me.."                          Nostro Signore Gesù Cristo

"Il compito pratico degli associati è appunto quello di aiutare i fratelli sofferenti nella vita di tutti i giorni e sopratutto quello di aiutarli nei pellegrinaggi che l'Associazione organizza, e i compiti sono tra i più vari: dal trasporto degli ammalati fisici, alla assistenza ai malati spirituali indemoniati, dalla pulizia e dal tenere in ordine i treni dei pellegrini al servizio in cucina, dall'aiutare gli ammalati al bagno alle piscine all'animazione dei molti momenti di preghiera e tutto nell'Unione più totale ai Sacri Cuori e ai cuori dei fratelli!"
Il Presidente dell'Associazione


Ricordiamo inoltre che il Pellegrinaggio Tradizionale a Lourdes
sarà dal 13 al 19 settembre 2013!
                                             Con la partecipazione di tutta l'Associazione...

AVE MARIA!
In Nomine Jesu!

Cerchiamo collaboratori e capogruppi, dame, barellieri per il prossimo treno-pellegrinaggio a Lourdes con la nostra associazione!!!

venerdì 5 aprile 2013

Oggi Gesù a un anima::"Invitati non entrano nè vogliono lasciare entrare gli altri"! Oggi è il sabato Santo per la Chiesa di Dio Cattolica Apostolica Romana!


Il Dovere della coscienza mi spinge a scrivere contro la mia volontà... ma quando siamo in periodi storici come quello in cui ci troviamo, in uno già da noi constatato e invocato "stato di necessità" generale per la Santa Chiesa di Dio Cattolica Apostolica Romana... Il Signore ci ripete:"a chi più è dato più sarà richiesto" a mio discapito dunque accennerò ad alcuni eventi straordinari, di cui sono stato reso partecipe per missione e Grazia di Dio constatando con i miei occhi, con le mie orecchie, con lo studio minuzioso e l'intelligenza che il Signore ci ha dato quanto accennerò e ripeto accennerò soltanto qui in basso....

Alcuni di quelli che leggeranno intenderanno, altri meno... chi è già a conoscenza dei fatti per conoscenza diretta non si stupirà più di tanto, altri potranno restare scandalizzati...

Il Demonio, serpente antico, da sempre cerca di distruggere le opere Sante di Dio e se gli fosse possibile, cerca di sterminare la verità anche in quei buoni che fedelmente servono l'Altissimo Iddio e la Vergine Benedettissima! In questo periodo però egli non cessa di fortificare la sua Chiesa e di Purificarla attirando a sè Anime-Ostie, Anime-Vittime le quali soffrono volontariamente per Amore suo dolori indicibili... fisici, psichici, morali, spirituali, diabolici... i quali per permissione Volontaria di Lui essi più o meno pazientemente sopportano in questa maniera essi "completano nella loro carne ciò che manca alla Passione di Gesù Cristo" essi peccatori come altri si, ma per grazia chiamati cercano rispondere a questa doloroso mistico invito alle "nozze del dolore per l'Amore" così non di rado si trovano queste anime prostrate in dolori atroci ai quali nessuno può dare sollievo... inutile dire che i medici non vi trovano rimedio anzi... inutile dire che basta una parola del confessore per dare rimedio invece... essi nello stato di prostrazione totale cercano conforto:"cercavo consolatori ma non ne trovai, amici ma trovai solo nemici" e per adempiere i passi della Scrittura spesso si può constatare sulla pelle di queste persone: "Sono un morto e non un vivente" essi chiedono come il Cristo in quei momenti: "Passi da me questo Calice tuttavia non la mia volontà.." li si vede soffrire sulla loro Croce Mistica fino al punto di esclamare: "Padre perdona... Elì Elì lemmà sabactani... Tutto è compiuto" si sentono abbandonati a volte anche dal Signore  e questa è la più grande pena... non vorrebbero offenderlo eppure per Divini disegni essi cadono in pensieri ed azioni molesti i quali dopo aver appesantito l'anima, per il dolore che provano ne ricava il Signore un atto di perfetta contrizione-adorazione-riparazione-impetrazione per essi e per il mondo e li si aprono i torrenti della grazia su di loro e sul  mondo...

Oggi e Sempre per Amore alla Unica Verità che è Cristo Gesù Signore Nostro... in ispirito di totale sottomissione alla Sua Santa Volontà, invocando l'intercessione della SS.ma Vergine Immacolata Madre nostra Maria che ci sprona, invocando l'Intercessione di S. Giuseppe, di S. Michele, di Padre Candido, di Anneliese nostri particolari avvocati e di tutta la Coorte Celeste riguardevoli al fatto che saremo citati al Giudizio Superno, Soli Deo honor et Gloria!

J.M.+J.C.

In Nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen.

I fatti presenti sono constati da me personalmente e da altre persone religiosi o secolari distinti per provata scienza prudenza e integrità di vita, la persona citata è persona di provata fede, per motivi di riservatezza non citerò i nomi, nè i luoghi, la strutturerò a mò di intervista(anche se non c'è mai stata una intervista) riportando le parole autentiche venute fuori in circostanze particolari, per facilitarmi il compito dello scrivere e facilitare ai lettori la lettura.

Premetto che la presente persona soffre di una forma acutissima di possessione diabolica unite alla vessazione e alla ossessione, caso molto particolare, per me oggetto di studio. La stessa è soggetta a sofferenze e gioie mistiche. A Tutto ciò bisogna aggiungere la precarietà della vita e della salute e continui attacchi da parte del mondo.

Scuserete il mio modo insolito di scrivere ma non so come cominciare dunque, cercate di comprendere.

- E' tanto tempo che soffri?
- da tutta la vita!
-Che genere di sofferenza?
- La maggiore sofferenza è l'agonia dell'anima!
-In cosa consiste?
-Per me è una prostrazione continua, un continuo voler salire al Cielo e un continuo dover restare con queste catene?
-Le catene intendi il corpo?
-Anche! ma intendo sopratutto il peccato, certo mi piacerebbe morire subito, ma vorrei prima santificarmi.
-e con tutto questo dolore non ti stai santificando?
-ah no! forse il Signore mi santifica ma non lo so... questa è solo riparazione per i miei delitti.
-Hai offeso il Signore?
- Tante volte, con il peccato!
-Questo ti fà soffrire?
-quando me ne rendo conto, si tanto, vorrei morire all'istante per mettere fine alla sofferenza che causo al Signore pur temendo di andare all'inferno.
-Ma come all'Inferno se i demòni a volte ti riducono in questo stato?
-si è vero, a volte prendono possesso totale di me, altre volte mi lasciano libera l'intelligenza ma non la volontà perchè possa vedere ciò che fanno con il mio corpo... questa è una sofferenza terribile, vede è come se una donna che ama solo suo marito e preferirebbe morire  piuttosto che tradirlo venisse violentata sotto gli occhi dell'amato senza poter fare nulla per impedirlo; è uno strazio continuo... a volte poi mi dicono che mi porteranno sempre con loro all'inferno e scatenano tutta la loro rabbia su di me, ultimamente mi hanno battuto per 5 ore di seguito senza che nessuno potesse fermarli...
- e allora se la odiano così tanto perchè ha paura di andare all'inferno?
- Perchè il Signore è misericordioso ma anche giusto, e non permette che nulla di impuro entri nel regno della purezza, e poi l'anima impura da sola non entra nel regno beato... quindi spero nella Misericordia!
- pensa di avere l'anima impura?
- tra tutte le creature solo la Vergine benedetta fù sempre pura, altri santi lo furono dopo grande purificazione.
-quindi questa per lei è la purificazione per la santità?
- pensa lei forse che si lavano solo i principi? o anche i servi che vogliono essere mondi? io cerco di sfruttare le occasioni che il Signore ci dà per purificarmi, ma di certo la purificazione ci avvicina a Dio.
-questa purificazione è solo per lei o anche per altro?
-soffro tanto, riparo i miei peccati e quelli degli altri come posso!
-Offre la sua vita quindi?
- e come non potrei? Il Signore me lo chiede e io come potrei rifiutare un così grande regalo?
-Per cosa il Signore chiede di offrire penitenze e sacrifici?
-Per la salvezza delle anime!
-Solo per quello?a lei ha mai chiesto anche altro in particolare?
-Si soffre per il mondo, per  riparare e per salvare. In particolare io devo offrire le mie sofferenze per la Chiesa e per coloro che sono legati da Satana...
-Come per la Chiesa? Non è il Signore che la sostiene?
-si ma se uno si taglia un dito, fà male tutto il corpo, e se l'altra mano non versa del balsamo sulla ferita dopo aver rimosso la parte cattiva quella si infetterà, così è il corpo Mistico che è la Chiesa, a buon intenditor poche parole..
-come fà a rispondere con così esatezza e velocità? E' vero che a volte è il Signore che gli suggerisce?
- E' vero.
- e non potrebbe essere il demonio invece?
-oh no... il demonio non si comporta così, fà le pentole ma non i coperchi... poi quando è Il Signore che parla, per mezzo del Padre Confessore ci diamo dei segnali che sia di certa provenienza.
-Vuole bene al Confessore?
-Certo è la voce del Signore per la mia anima!
-vuole bene alla Chiesa?
- che domande?! lei vuole bene a sua madre? ovvio!
-e ai pastori?
- io offro e soffro per loro, anche se spesso mi fanno soffrire tanto e mi rendono triste, mi fanno entrare in agonia e allora bisogna anche rimproverare altrimenti il Signore ci sgrida.
-Soffre solo per la Chiesa l'agonia?
- No anche per amici, per i giovani, a volte quando parlo con qualcuno, o passo in certi posti, mi parlano di persone, l'Angelo mi fa capire che ci sono cose che non vanno e io non posso farci nulla.. allora l'anima mia si unisce a Gesù nel Gethsemani e agonizzo per loro...
- quindi è preghiera l'agonia?
-certo! Attendere che l'amato ritorni non è forse amore?
-La Chiesa, per cosa soffre in particolare il Signore nella Chiesa?
- Per le mancanze dei suoi pastori, per le eresie, per la falsa dottrina, per lo sfascio delle cose sacre, per il poco rispetto che clero e popolo hanno nello stare in chiesa o addirittura nel celebrare o ricevere i Sacramenti specialmente la S. Messa!
-e questo da cosa dipende?
-Che oggi nella Chiesa ci sono dei lupi che sono vestiti da agnelli... ma non vinceranno, però ci faranno soffrire molto... Saremo perseguitati, e tutti coloro che vorranno difendere la Chiesa vera con la Vera Fede e la vera dottrina, si schiereranno contro questi modernisti che la hanno invasa e lotteranno come nelle catacombe! Perchè questi falsi buoni, questi falsi umili, sono lupi rapaci i quali non solo loro sono accecati da Satana ma lo servono volontariamente e vogliono che altri lo fanno e stiamo vedendo ormai in questo ultimo mese tante cose che il Signore ci fà comprendere. Proprio oggi mi ha ripetuto:"Invitati non entrano nè vogliono lasciare entrare gli altri"!

continua....

In Nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen!
 
Viva il Santo Padre Benedetto XVI Vicario di Cristo in terra!
In Nomine Jesu

giovedì 28 marzo 2013

Predica di S.S. Nostro Gesù Cristo il Papa Benedetto XVI pronunciata in occasione della S. Messa in Coena Domini! Impariamo!


Cari fratelli e sorelle!

Il Giovedì Santo non è solo il giorno dell’istituzione della Santissima Eucaristia, il cui splendore certamente s’irradia su tutto il resto e lo attira, per così dire, dentro di sé. Fa parte del Giovedì Santo anche la notte oscura del Monte degli Ulivi, verso la quale Gesù esce con i suoi discepoli; fa parte di esso la solitudine e l’essere abbandonato di Gesù, che pregando va incontro al buio della morte; fanno parte di esso il tradimento di Giuda e l’arresto di Gesù, come anche il rinnegamento di Pietro, l’accusa davanti al Sinedrio e la consegna ai pagani, a Pilato. Cerchiamo in quest’ora di capire più profondamente qualcosa di questi eventi, perché in essi si svolge il mistero della nostra Redenzione.

Gesù esce nella notte. La notte significa mancanza di comunicazione, una situazione in cui non ci si vede l’un l’altro. È un simbolo della non-comprensione, dell’oscuramento della verità. È lo spazio in cui il male, che davanti alla luce deve nascondersi, può svilupparsi. Gesù stesso è la luce e la verità, la comunicazione, la purezza e la bontà. Egli entra nella notte. La notte, in ultima analisi, è simbolo della morte, della perdita definitiva di comunione e di vita. Gesù entra nella notte per superarla e per inaugurare il nuovo giorno di Dio nella storia dell’umanità.

Durante questo cammino, Egli ha cantato con i suoi Apostoli i Salmi della liberazione e della redenzione di Israele, che rievocavano la prima Pasqua in Egitto, la notte della liberazione. Ora Egli va, come è solito fare, per pregare da solo e per parlare come Figlio con il Padre. Ma, diversamente dal solito, vuole sapere di avere vicino a sé tre discepoli: Pietro, Giacomo e Giovanni. Sono i tre che avevano fatto esperienza della sua Trasfigurazione – il trasparire luminoso della gloria di Dio attraverso la sua figura umana – e che Lo avevano visto al centro tra la Legge e i Profeti, tra Mosè ed Elia. Avevano sentito come Egli parlava con entrambi del suo “esodo” a Gerusalemme. L’esodo di Gesù a Gerusalemme – quale parola misteriosa! L’esodo di Israele dall’Egitto era stato l’evento della fuga e della liberazione del popolo di Dio. Quale aspetto avrebbe avuto l’esodo di Gesù, in cui il senso di quel dramma storico avrebbe dovuto compiersi definitivamente? Ora i discepoli diventavano testimoni del primo tratto di tale esodo – dell’estrema umiliazione, che tuttavia era il passo essenziale dell’uscire verso la libertà e la vita nuova, a cui l’esodo mira. I discepoli, la cui vicinanza Gesù cercò in quell’ora di estremo travaglio come elemento di sostegno umano, si addormentarono presto. Sentirono tuttavia alcuni frammenti delle parole di preghiera di Gesù e osservarono il suo atteggiamento. Ambedue le cose si impressero profondamente nel loro animo ed essi le trasmisero ai cristiani per sempre. Gesù chiama Dio “Abbà”. Ciò significa – come essi aggiungono – “Padre”. Non è, però, la forma usuale per la parola “padre”, bensì una parola del linguaggio dei bambini – una parola affettuosa con cui non si osava rivolgersi a Dio. È il linguaggio di Colui che è veramente “bambino”, Figlio del Padre, di Colui che si trova nella comunione con Dio, nella più profonda unità con Lui.

Se ci domandiamo in che cosa consista l’elemento più caratteristico della figura di Gesù nei Vangeli, dobbiamo dire: è il suo rapporto con Dio. Egli sta sempre in comunione con Dio. L’essere con il Padre è il nucleo della sua personalità. Attraverso Cristo conosciamo Dio veramente. “Dio, nessuno lo ha mai visto”, dice san Giovanni. Colui “che è nel seno del Padre … lo ha rivelato” (1,18). Ora conosciamo Dio così come è veramente. Egli è Padre, e questo in una bontà assoluta alla quale possiamo affidarci. L’evangelista Marco, che ha conservato i ricordi di san Pietro, ci racconta che Gesù, all’appellativo “Abbà”, ha ancora aggiunto: Tutto è possibile a te, tu puoi tutto (cfr 14,36). Colui che è la Bontà, è al contempo potere, è onnipotente. Il potere è bontà e la bontà è potere. Questa fiducia la possiamo imparare dalla preghiera di Gesù sul Monte degli Ulivi.

Prima di riflettere sul contenuto della richiesta di Gesù, dobbiamo ancora rivolgere la nostra attenzione su ciò che gli Evangelisti ci riferiscono riguardo all’atteggiamento di Gesù durante la sua preghiera. Matteo e Marco ci dicono che Egli “cadde faccia a terra” (Mt 26,39; cfr Mc 14,35), assunse quindi l’atteggiamento di totale sottomissione, quale è stato conservato nella liturgia romana del Venerdì Santo. Luca, invece, ci dice che Gesù pregava in ginocchio. Negli Atti degli Apostoli, egli parla della preghiera in ginocchio da parte dei santi: Stefano durante la sua lapidazione, Pietro nel contesto della risurrezione di un morto, Paolo sulla via verso il martirio. Così Luca ha tracciato una piccola storia della preghiera in ginocchio nella Chiesa nascente. I cristiani, con il loro inginocchiarsi, entrano nella preghiera di Gesù sul Monte degli Ulivi. Nella minaccia da parte del potere del male, essi, in quanto inginocchiati, sono dritti di fronte al mondo, ma, in quanto figli, sono in ginocchio davanti al Padre. Davanti alla gloria di Dio, noi cristiani ci inginocchiamo e riconosciamo la sua divinità, ma esprimiamo in questo gesto anche la nostra fiducia che Egli vinca.

Gesù lotta con il Padre. Egli lotta con se stesso. E lotta per noi. Sperimenta l’angoscia di fronte al potere della morte. Questo è innanzitutto semplicemente lo sconvolgimento, proprio dell’uomo e anzi di ogni creatura vivente, davanti alla presenza della morte. In Gesù, tuttavia, si tratta di qualcosa di più. Egli allunga lo sguardo nelle notti del male. Vede la marea sporca di tutta la menzogna e di tutta l’infamia che gli viene incontro in quel calice che deve bere. È lo sconvolgimento del totalmente Puro e Santo di fronte all’intero profluvio del male di questo mondo, che si riversa su di Lui. Egli vede anche me e prega anche per me. Così questo momento dell’angoscia mortale di Gesù è un elemento essenziale nel processo della Redenzione. La Lettera agli Ebrei, pertanto, ha qualificato la lotta di Gesù sul Monte degli Ulivi come un evento sacerdotale. In questa preghiera di Gesù, pervasa da angoscia mortale, il Signore compie l’ufficio del sacerdote: prende su di sé il peccato dell’umanità, tutti noi, e ci porta presso il Padre.

Infine, dobbiamo ancora prestare attenzione al contenuto della preghiera di Gesù sul Monte degli Ulivi. Gesù dice: “Padre! Tutto è possibile a te: allontana da me questo calice! Però non ciò che voglio io, ma ciò che vuoi tu” (Mc 14,36). La volontà naturale dell’Uomo Gesù indietreggia spaventata davanti ad una cosa così immane. Chiede che ciò gli sia risparmiato. Tuttavia, in quanto Figlio, depone questa volontà umana nella volontà del Padre: non io, ma tu. Con ciò Egli ha trasformato l’atteggiamento di Adamo, il peccato primordiale dell’uomo, sanando in questo modo l’uomo. L’atteggiamento di Adamo era stato: Non ciò che hai voluto tu, Dio; io stesso voglio essere dio. Questa superbia è la vera essenza del peccato. Pensiamo di essere liberi e veramente noi stessi solo se seguiamo esclusivamente la nostra volontà. Dio appare come il contrario della nostra libertà. Dobbiamo liberarci da Lui – questo è il nostro pensiero – solo allora saremmo liberi. È questa la ribellione fondamentale che pervade la storia e la menzogna di fondo che snatura la nostra vita. Quando l’uomo si mette contro Dio, si mette contro la propria verità e pertanto non diventa libero, ma alienato da se stesso. Siamo liberi solo se siamo nella nostra verità, se siamo uniti a Dio. Allora diventiamo veramente “come Dio” – non opponendoci a Dio, non sbarazzandoci di Lui o negandoLo. Nella lotta della preghiera sul Monte degli Ulivi Gesù ha sciolto la falsa contraddizione tra obbedienza e libertà e aperto la via verso la libertà. Preghiamo il Signore di introdurci in questo “sì” alla volontà di Dio, rendendoci così veramente liberi. Amen.