venerdì 12 ottobre 2012

Salvifici Doloris... il dolore che salva!

Le nostre sofferenze sono inutili???

sofferenza fisica, sofferenza spirituale nulla è inutile se usato bene o per dirla con l'Apostolo, "tutto concorre al bene di coloro che amano Dio!" 

Vale a dire che la nostra sofferenza può e deve divenire fonte di salvezza per noi e per gli altri!

Ora vi spiego: mi scuseranno tutti i lettori il modo di scrivere insolito e strano ma ormai sempre più la salute mi costringe.

Mi trovo ad attraversare un periodo di grande sofferenza non solo fisica quanto più morale, essere a conoscenza di cose personali di persone a cui vogliamo bene e che non si confidano con noi pur sapendo di poter essere aiutate ci fa soffrire molto, così come soffriamo molto quando ci sentiamo soli, traditi, abbandonati da coloro che più si amano, così come quando cercando di seguire la via della salvezza tracciata da Gesù ci accorgiamo che la persona che più amiamo, non solo ci esclude o ci fà soffrire per cause naturali, quanto più soffriamo ancora sapendo che ella marcia su vie tortuose, non buone, che non piacciono a Gesù!

Allora ci troviamo mezzi disperati, perchè tanto male, perchè tanta sofferenza? è dannazione, è pena eterna.. e allora tutto è perduto?
No! Certo che no! Viene la luce della Fede a rischiarare i dubbi e a far sparire le angosce!
Se offriamo queste sofferenze, non solo non le rendiamo vane, ma anche acquistiamo meriti ed otteniamo le grazie una volta superate le prove! Uniamo dunque alla mattina nelle nostre orazioni la nostra giornata ai Cuori Santi di Gesù e Maria, uniamo ai loro i nostri dolori e tutto sarà addolcito, le persone cambieranno, la sofferenza sparirà!

Salvifici doloris! oh dolore che salvi, da amaro mi divieni dolce...

Soffriamo con e per Gesù ed Egli ci Benedirà senza negarci grazia su grazia!

Propongo dunque una catena di preghiera, una tredicina, S. Rosario e S. Comunione ogni giorno per 13 giorni consecutivi in onore del Cuore Immacolato di  Maria (domani 13 ottobre anniversario dell'ultima apparizione a Fatima)per ottenere grazie ed unire il nostro dolore a quello della Chiesa per salvare coloro per i quali soffriamo! 

Così il diavolo ancora una volta invece di cantare vittoria sulla nostra sconsolazione, fuggirà via bastonato!
Evviva Maria!

In Nomine Jesu

Nessun commento:

Posta un commento