sabato 16 maggio 2009

Chi prega, si salva. Chi non prega... si danna!



Il Signore non manda la prova a chi non può sopportarla, Egli nela Sua infinità Bontà e Misericordia assieme alla sofferenza dà anche la Grazia e la Forza per superare tutto ciò a maggior Gloria del Suo Santo Nome e a nostra fortificazione. Sto seguendo, assieme al mio amico Esorcista, L. una ragazza di 17 anni che ha gravissimi disturbi diabolici da circa 4 anni; Lei veniva a studio da noi il Giovedì a prendere gli Esorcismi, ed io andavo a casa 1-2 volte alla settimana per Preghiere di liberazione, catechizzare ed anche rasserenare, si cercava di fare quel che si poteva insomma; dato che la famiglia, molto estesa, non è molto ambientata nel posto in cui vive ed anche non istruita nè a livello culturale sociale nè a livello cattolico, con una situazione davvero al limite della civiltà e con tradizioni davvero stranissime e limitanti senza poi parlare di quelle magiche molto pericolose. Si era arrivati a far dire Messa a casa, per tenerla un po più serena durante la settimana. Si era cercato di far ricevere i Ss. Sacramenti ai memebri della famiglia che erano degni di riceverli e non l'avevano fatto. Proprio durante una S. Messa ed esattamente la prima che celebrò a casa loro D. Pino un mio amico Sacerdote con annesse Preghiere di liberazione, si scatenò letteralmente l'inferno: in primis già per tenere la ragazza ci vuole sempre "La Mano di Dio", poi venne fuori che non era solo la ragazza ad essere disturbata(Lei ha una possessione Satanica fortissima con altri Demòni), ma anche una zia comiciò a dare in escandescenze e clou della Messa alle rinunce ed al rinnovo delle promesse si sentì come un galoppo ed un nitrito di cavalli che durò fino a quando andammo via e poi i venne riferito che anche durante la notte si era fatto sentire a tratti quello strano rumore, ora detto ciò cosa sucesse, chiedemmo a ognuno se avesse fatto pratiche occulte e da tutti venne risposta affermativa, avevano amuleti a non finire, una serie di peccati familiari e personali da spavento: incesti, rapine etc.. ora di fronte a tutto questo marasma di zozzerie, amonimmo tutti a confessarsi a fare vita di Preghiera e frequenza ai Ss. Sacramenti distaccandosi dal peccato e da quelle orribili pratiche, affinchè il Signore Onnipotente e Misericordioso concedesse nela Sua infinità Misericordia il perdono dei loro peccati e la liberazione da quegli assalti e disturbi dell'Inferno. Da tutti fu promeso ciò che era stato loro consigliato ed oserei dire quasi imposto in nome di Dio; affinchè la ragazza potesse stare bene e la famiglia tutta potesse essere liberata da quegli influssi. Promisi che ci saremmo rivisti la settimana seguente. Ritornai li da loro e come da programma ci spostammo in macchina verso al Chiesa di quel mio amico Sacerdote con cui animavo le S. Messe e Preghiere di Liberazione, con piacere e stupore L. mi disse in macchina che era stata meglio quella settimana e che aveva pergto di più e più volentieri e che gioia fù rivederle i capelli ricrescere sotto la parrucca che si era tolta per mostrarmeli mi disse anche che erano cessati i conati di vomito sanguinolento, arrivati in Chiesa con molti altri ammalati Demonopatici celebrammo la S. Messa al termine della quale come al Solito D. Giuseppe passò Benedicendo col Ss.mo Sacramento ed io al microfono invocavo e pregavo il Signore per la liberazione di questi poveri fratelli; arrivato che fù il Sacerdote co Ss.mo a benedire L. mi soffermai ed insistetti maggiormente con la preghiera L. ebbe delle reazioni e poi in macchina mi disse di sentirsi distrutta fisicamente ma olto sollevata Spiritualmente, per questo ritornand a casa lodammo il Signore e la Santissima Vergine e pregammo il Santo Rosario in ringraziamento della giornata trascorsa.

Dopo questo per motivi di impegni non ho avuto modo di rivedere L. che mi ha telefonato chiedendomi Preghiere perchè non si sentiva bene, allora l'ho incoraggiata a venire con alcune persone della famiglia a riprendere gli Esorcismi a studio da noi che da 3 settimane aveva interotto per motivi di tradizioni familiari, lutti e cose similari, ad oggi io ho dovuto dire alla famiglia che non sarei più andato pregare da loro fino a quando non avessero ripreso appuntamento con l'Esorcista e non avessero cercato di pregare insieme per la loro liberazione, soratutto distaccandosi dal peccato, purtroppo la povera L. non c'entra nulla ma sono stato costretto ad agire così, perchè se uno non si converte, non prega è inutile che io vada a pregare con loro perchè è il Signore che libera vedendo la buona volontà e la contrizione di ciascuno non io o chissà chi con le misere preghiere di peccatore che altro non sono; dico questo con un po di amarezza e con una stretta al cuore, perchè vedo l'opera di Dio su quella famiglia, la Grazia Santificante e la Protezione del Cielo che vogliono scendere a colmare di bene quella casa e loro che rifiutano di aprire il cuore all'Unico vero Salvatore della loro vita Cristo Gesù! Per questo li affido tutti alla Vergine Madre affinchè sia Ella a toccare i loro cuori e ad aprirli e preparali a ricevere le Grazie che ora si rifiutano di ricevere!

1 commento:

  1. Carissimi,
    In seguito alle parole colme di saggezza e di conforto espresse da Don Gabriele Amorth nella trasmissione radiofonica su Radio Maria del 09/09/09 - che potrebbero essere di grande e decisivo aiuto in famiglia - mi sono posto alla ricerca della sua registrazione (INCLUSI GLI INTERVENTI TELEFONICI, in cui c'è la confortante risposta di Padre Amorth!), ma senza successo. Ho anche telefonato alla redazione della radio, ma mi hanno informato di non averla!
    Spero - per quanto possibile - nel Vs. aiuto nel tentativo di rintracciarne una copia, ad es. in formato mp3 o simili.
    Vi ringrazio anticipatamente per l'impegno che vorrete profondere nel darmi una mano! Si tratta di un aiuto decisivo per una situazione familiare profondamente dolorosa!

    Cordialmente,
    Vito

    RispondiElimina